Il Mondo del Tabacco

Il Mondo del Tabacco, dove la passione incontra l'informazione


I molteplici volti del tabacco

Benvenuti nel Mondo del Tabacco!


Il Mondo del Tabacco è un forum che ha come obiettivo informare e analizzare la passione che unisce produttori e consumatori di tutto il mondo. Partendo dalle origini arrivando ai giorni nostri cercheremo di conoscere meglio questo prodotto, il tabacco. Come non cominciare dalle basi, con basi intendo le diverse piantagioni sparse nel mondo dove vengono seminati una moltitudine di semi; per poi passare ai diversi tipi di lavorazione che permettono una diversificazione nei prodotti che tutti i giorni andiamo a consumare. Se siete pronti possiamo pure iniziare, buona navigazione!




piantagione

Piantagioni


I semi di tabacco, dato che la loro germinazione è attivata dalla luce solare, vengono sparsi al suolo e non interrati. All'epoca delle prime piantagioni coloniali in Virginia, i semenzai venivano fertilizzati con cenere e letame (perlopiù letame di cavallo essiccato e ridotto in polvere) e coperti con delle ramaglie per proteggere le piantine dalle gelate. Le piantine venivano lasciate crescere così all'incirca fino ad aprile. Nel XIX secolo, le coltivazioni iniziarono ad essere frequentemente attaccate da piccoli coleotteri come l'Epitrix cucumeris o l'Epitrix pubescens, che nel 1876 arrivarono a distruggere la metà del raccolto di tabacco degli Stati Uniti. Ad oggi negli Stati Uniti le coltivazioni di tabacco sono fertilizzate con fosfati come l'apatite, in modo da limitare l'assorbimento di azoto che ne altererebbe l'aroma.
lavorazione

Lavorazione


I metodi di raccolta del tabacco sono due. Nel metodo più antico, la pianta viene raccolta tutta intera, recidendone il gambo all'altezza del suolo con un coltello ricurvo. Nel XIX secolo si iniziò a raccogliere il tabacco della varietà "bright" staccando le singole foglie mature dal fusto. Le foglie iniziano a maturare a partire da quelle più basse per procedere con quelle più alte. In questo modo un campo viene sottoposto a numerose "potature" prima che il tabacco sia interamente raccolto e si possano tagliare via i fusti. Le foglie più basse, che sono raccolte per prime sono dette "sand lugs" dal momento che si trovano spesso a contatto con il terreno e coperte dalla sporcizia che vi schizza sopra quando piove. Un tempo i raccoglitori mettevano le foglie su slitte trainate da animali da soma, mentre ora per il trasporto si usano trattori con rimorchio.
sigari

Prodotti


Dopo che il tabacco è stato essiccato, viene sottoposto ad un'ulteriore fase di lavorazione. Le foglie vengono divise in varie categorie a seconda della qualità raggiunta. In epoca coloniale al tabacco veniva assegnato un prezzo al momento di inserirlo nei barili che servivano per il trasporto, mentre nelle zone di produzione della qualità bright il prezzo veniva fissato bandendo un'asta tra i compratori. Al giorno d'oggi la stragrande maggioranza delle trattative viene fatta a scatola chiusa con contratti di compravendita che spesso anticipano la produzione stessa. L'essiccazione e la successiva stagionatura permettono una lenta ossidazione e diminuzione dei carotenoidi delle foglie di tabacco. Il tabacco non stagionato oppure quello di bassa qualità sono spesso artificialmente aromatizzati adando a falsare il reale valore del prodotto.

Per analizzare a fondo questo prodotto,dobbiamo assolutamente fare un'introduzione della sua storia